#lerbachefabene si divide tra INDICASATIVA TRADE 2018 a Bologna e BALCONI FIORITI a Santarcangelo: canapa invasion!

lerbachefabene#lacittadellacanapa#indicasativa2018#locandina

In occasione della contemporanea fiera di Bologna #IndicaSativaTrade, la manifestazione internazionale dedicata alla canapa giunta alla sua edizione presso Unipol Arena con più di 150 espositori provenienti da tutto il mondo e la mostra mercato – dal titolo più romantico – #BalconiFioriti di Santarcangelo di Romagna, giunta alla 30esima edizione nata nel 1989 come concorso diventata poi una fiera specializzata a tutti gli effetti ed è da tempo riconosciuta a livello regionale come importante appuntamento per il florovivaismo e l’arte artigiana LaSignoraDelleErbe con il format #lerbachefabene si divide e sarà presente con il proprio staff emiliano allo stand T18 della Fiera di Bologna dando il via alla partnership con l’associazione LA CITTA’ DELLA CANAPA e con lo staff romagnolo lungo LA VIA DELLA CANAPA di via Don Minzoni nel centro storico di Santarcangelo di Romagna.

#lerbachefabene non poteva mancare in questa edizione del 2018 in cui la Fiera internazionale di Bologna dedica un’attenzione particolare alle più belle e innovative realtà italiane: al primo prodotto italiano a base di cannabis light, Easy Joint, main sponsor dell’evento insieme ad AssoCanapa e agli olandesi di The Bulldog, per noi de LaSignoraDelleErbe sarà la prima occasione per partecipare con il format #lerbachefabene in partnership con la federazione degli operatori economici della filiera della canapa LA CITTA’ DELLA CANAPA – di Ancona – con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo della filiera della Canapa in Italia.

Grazie alla partnership con LaSignoraDelleErbe e LA CITTA’ DELLA CANAPA presso lo stand T18 dell’Unipol Arena dal 18 al 20 maggio 2018 si potranno toccare con mano i manufatti realizzati con la stampa 3D [WASP] e filamento di canapa [Kanesis] del fablabstore DISPENSO e le infiorescenze di canapa sativa romagnola di Berardi Erbe di Bellaria-Igea Marina;
negli stand H17 di Serris Italia srl e A Tutta Birra potrete gustare le gustosissime pizze di canapa di Matteo Biasibetti
e allo stand H19 potrete toccare con mano e assaggiare per la prima volta la squisita barretta di finissimo cioccolato col 30% di seme decorticato di canapa #DailyProtein – la vera novità della Fiera del 2018.

Esserci per promuovere la cultura della canapa: LA VIA DELLA CANAPA – LA CITTA’ DELLA CANAPA – IL BORGO DELLA CANAPA – LE BONTA’ DI CANAPA – #lerbachefabene sono progetti che hanno un unico comune denominatore: lo sviluppo di una corretta filiera della canapa industriale in Italia.

Per fare questo si può partire dalla correttezza delle informazioni sulla CANAPA per smascherare le “fake news” di venditori di “prodotti da collezione ad uso tecnico” che utilizzano termini come CANAPA o CANNABIS per campagne di webmarketing e per la promozione di prodotti industriali come la “Marijuana legale” o “Cannabis light” che contribuiscono a creare ulteriore confusione sul neofita che non conosce tutti gli altri prodotti derivati dalla canapa.

La CANAPA a cui facciamo riferimento noi è quella che indica le infiorescenze maschio di cannabis sativa. Le differenze tra cannabis indica e sativa rimangono un argomento di enorme e aperta discussione, soprattutto tra gli scienziati che studiano la pianta. Tuttavia, la maggior parte di loro concorda sul fatto che indica e sativa siano due piante che si distinguono in vari modi.

Il modo più comune di distinguere cannabis indica da cannabis sativa è l’aspetto, o ciò che gli scienziati chiamano morfologia. La cannabis sativa si presenta come una pianta alta, vagamente ramificata e con lunghe foglie strette. Di solito sono coltivate all’aperto e possono raggiungere altezze galattiche (5 metri). Veri e propri alberi. Le piante di cannabis Indica sono invece più basse, densamente ramificate e presentano foglie più larghe. Queste piante sono più adatte alla coltivazione indoor.


Oltre ad avere aspetti differenti, cannabis Indica e cannabis Sativa sono piante che hanno differenti effetti a seconda delle persone, ma più generalmente presentano le seguenti distinzioni:

Cannabis Sativa

  • Ravvivante ed energico.

  • Cerebrale a tratti allucinogena.

  • Più adatta per l’uso di giorno

Cannabis Indica

  • Rilassante e calmante.

  • Tremolio di alcune parti del corpo e rilassamento muscolare estremo.

  • Più adatta per l’uso notturno.

Tuttavia, nessuno studio scientifico ha confermato queste differenze. In realtà, la storia suggerisce una differenza molto più semplice tra i due tipi di cannabis indica e sativa. La classificazione iniziale di cannabis Indica è stata fatta dal biologo francese Jean-Baptiste Lamarck, nel 1785. Lamarck ha osservato che le colture di canapa tradizionali presenti in Europa non presentavano alterazioni della mente dovute all’utilizzo, rispetto ad alcune varietà che si trovavano in India e da cui si faceva hashish. Lui coniò allora il termine Cannabis Indica, per distinguere quella indiana da quella europea, nota al momento come Cannabis Sativa. In ugual maniera, la Cannabis Indica fu poi riconosciuta come terapeutica dalla medicina occidentale nel corso del 1800. Gli scienziati che hanno studiato le differenze tra indica e sativa hanno creato una serie di teorie basate sulla genetica. Una teoria prevalente si concentra sulla produzione genetica di THC e CBD. Le piante che producono alti livelli di THC esprimono geni che codificano per la sintesi dell’enzima THCA. Questo enzima converte il CBG in THCA, che diventa il THC quando riscaldato. Queste piante sono in genere considerate Sativa. D’altro canto, alcune piante esprimono geni che codificano per la sintesi dell’enzima CBDA. Questo enzima converte invece il CBG in CBDA, il precursore del CBD. Queste piante sono in genere considerate Indica. Quindi la cannabis Sativa presenta molto più THC che CBD, mentre la cannabis Indica presenta livelli maggiori di CBD. Il problema annoso di oggi è che molti ceppi producono quantità variabili di entrambi gli enzimi. Alcuni ricercatori ritengono che questo è dovuto all’ibridazione.

È stata anche proposta una teoria alternativa basata sull’origine geografica.
Recenti tentativi di distinguere Cannabis Sativa da Cannabis Indica si sono basati su teorie genetiche e geografiche. Esistono anche alcune specie meno conosciute, come la
Cannabis Ruderalis, che è tipica delle regioni dell’Europa dell’Est, della Mongolia e della Russia. Quest’ultima è molto usata per creare ibridi con dominanza Indica e Sativa, sfruttando la resistenza della Ruderalis.

La questione rimane aperta e per scoprire l’evoluzione e lo sviluppo di questa pianta che, per alcuni stati, è considerata ancora oggi l’“ORO VERDE” dell’economia, una buona strada potrebbe essere quella di seguire i sostenitori della canapa industriale che da oltre 15 anni in Italia lavorano e si agitano per diffondere il valore e le virtù di una pianta che non potrà salvare il mondo, ma sicuramente può contribuire a migliorarlo: noi de #lerbachefabene e LaCittàDellaCanapa siamo convinti sostenitori di questo assioma.

Per un futuro sempre più eco-sostenibile la svolta per il nostro pianeta potrebbe essere la sostituzione di prodotti chimici del petrolio, fabbricazione di carburanti, materie plastiche e vernici non inquinanti, tutto grazie a questa unica pianta magica: la CANAPA.

Fabrizio Fantini

#lerbachefabene  #lacittadellacanapa #lasignoradelleerbe #BerardiErbe #SerrisItalia #DISPENSO #atuttabirra #INDICASATIVATRADE #BALCONIFIORITI #DailyProtein #Lamarck

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.