#CIVICOCANAPA

#CIVICOCANAPA #raccoltafondinoline #progettocrossmediale #webdoc
Per realizzare questo ambizioso progetto abbiamo bisogno del vostro supporto:
@A cosa serve il vostro sostegno
CIVICO CANAPA è il primo progetto crossmediale in Italia sulla CANAPA che mira a divulgare la cultura della canapa sativa nel 2018 attraverso la co-no-scienza e consiste:
1] nella realizzazione di un webdoc sulla canapa e CBD dal titolo provvisorio “CIVICOCANAPA”, storie di vita di chi produce, vende e utilizza oggi il cannabidiolo in Italia, il composto naturale presente nella Cannabis sativa famoso per i suoi molteplici effetti benefici,
2] una piattaforma crossmediale dedicata al mondo della produzione della canapa sativa e del CBD in Italia
3] e una petizione online per chiedere di normare il CBD in Italia come un farmaco firma la petizione online
4] un blog come diario di bordo gestito direttamente da Fabrizio Fantini, il quale con Luca Berardi e altri preziosi collaboratori hanno creato l’agenzia LaSignoraDelleErbe e organizzano eventi e fiere e progetti per la divulgazione della cultura della canapa nei luoghi dove sino ad oggi non è mai stata considerata.
Un progetto indipendente, animato dalla sola volontà dei suoi autori canapisti e di chi ci segue nel format #lerbachefaebene, che – con l’aiuto dei coltivatori, agricoltori, rivenditori, consumatori e amanti dei prodotti a base di canapa e dei suoi derivati nel campo agro-alimentare, passando dall’uso terapeutico sino all’utilizzo per la stampnte 3D – vogliamo avviare un progetto senza scadneza con l’obiettivo di obbligare la TRECCANI ad aggiornare la definizione di canapa fornita sul loro vocabolario da “la produzione della fibra naturale di Canapa in costante declino” in “la produzione della fibra naturale di Canapa in costante ripresa”.
dal vocabolario Treccani:
Cìvico aggettivo dal latino civǐcus, derivazione di civis «cittadino» che è proprio dei cittadini, in quanto appartengono a uno stato.
Cànapa sostantivo dal latino cannăbis – Pianta annua, dioica, delle dicotiledoni amentiferi, inclusa nella famiglia delle cannabacee (Cannabis sativa), a foglie opposte o alterne, composte da 5 o 9 o 11 foglioline lanceolate; i fiori sono disposti, negli individui maschili, in pannocchie terminali o ascellari, nei femminili in glomeruli raccolti in una infiorescenza compatta; il frutto è un achenio, correntemente detto seme di canapa, da cui si può ricavare un olio usato nella fabbricazione di saponi e vernici, in passato per illuminazione, e che, se depurato, ha anche usi alimentari. Forse originaria dell’Asia centrale, la canapa è oggi coltivata in molti paesi a clima temperato e tropicale per la fibra che da essa si ricava, ma la sua produzione, a causa della concorrenza di alcune fibre artificiali, è in costante declino.
L’attualità del tema della cannabis terapeutica in Italia e l’esigenza da parte di giovani coltivatori come noi di ottenere in tempi brevi una legge che regolamenti il settore della produzione della CANNABIS in Italia ci impegna a dedicare del tempo e risorse per ottenere informazioni attendibili e dati aggiornati sullo stato della produzione della canapa oggi in modo da fare un po’ di chiarezza e salvaguardare i diritti e doveri dei canapicoltori e che da soli con le nostre forze non saremmo in grado di sostenere.
___
CHI SIAMO
Siamo tutti romagnoli e siamo nati nella terra delle eccellenze romagnole come BerardiErbe, l’azienda Agricola di Mario Berardi, l’esperto delle erbe aromatiche fresche che ha tramandato questa arte al figlio Luca, mio socio nell’organizzazione di eventi, fiere e mercatini #lerbachefabene con l’obiettivo di diffondere la cultura della canapa all’interno delle Fiere del Benessere e mercatini e festival d’Italia sotto il marchio di garanzia de LaSignoraDelleErbe: utilizziamo la tecnologia di “internet delle cose” per comunicare in modo etico il valore e i benefici della Signora delle erbe aromatiche: la canapa.
Crediamo che questo sia il modo più diretto per comunicare questa nostra esigenza e la forma dei nostri progetti che per essere realizzati hanno bisosgno del sostegno di tutti i canapisti d’Italia.
_____________________________________________________
LERBACHEFABENETV
Per la promozione online dei nostri eventi che organizziamo in giro per l’Italia per raccogliere fondi per il progetto CIVICOCANAPA abbiamo creato un canale su youtube #LERBACHEFABENETV per instaurare un rapproto meno virtuale tra i nostri sostenitori e noi realizzatori di progetti complessi e moderni come il format crossmediale #CIVICOCANAPA
Questa è una puntata del nostro programma che presenta LUCA BERARDI e la sua originale storia che lo ha portato a scoprire la STAMPANTE 3D della WASproject ed HEMPTRINTED:
CON IL VOSTRO SUPPORTO POTREMO REALIZZARE IL PRIMO webdoc sulla canapa e il CBD dal titolo provvisorio “CIVICOCANAPA”, storie di vita di chi produce, vende e utilizza oggi il cannabidiolo in Italia, il composto naturale presente nella Cannabis sativa famoso per i suoi molteplici effetti benefici collegato alla piattaforma crossmediale dedicata al mondo della produzione della canapa sativa e del CBD in Italia.
Che cos’è un webdoc collegato ad una piattaforma crossmediale?
Nell’era del digitale si sente parlare spesso di Web documentary o webdoc: tutti sono diventati più o meno storyteller o raccontastorie digitali. Si è passati dalla narrazione tradizionale a quella multipiattaforma. Noi vogliamo utilizzare questa formula per raccontare a chi non conosce ancora le proprietà magiche di questa signora delle erbe aromatiche in modo contemporaneo e che si alimenti dal basso. Il webdoc è una nuova modalità comunicativa: una narrazione interattiva sul web che prevede una narrazione non lineare e la partecipazione attiva nella costruzione del mondo e della sua rappresentazione. Tra le rivoluzioni digitali il WEBDOC ha stravolto molti settori come il giornalismo. Siamo a nuove forme di narrazione e attraverso lo storytelling, il racconto di una storia – soprattutto in video – e il web documentary (o webdoc) è stato riscritto non solo il modo di fruire, ma anche quello di fornire contenuti. Noi siamo convinti che l’opportunità di coniugare diversi media (video, foto, immagini, audio, testo), la forte interattività, la guida della struttura, rendono il webdoc uno strumento dall’alta efficacia per comunicare cosa sia diventata oggi la canapa e il CBD in Italia. La nostra idea di webdoc si presenta con una struttura arborescente, con una serie di ramificazioni possibili. Cosi il nostro webdoc permetterà l’immedesimazione dello spettatore, una produzione di senso, un interesse sulla cannabis e il CBD buono.
NARRAZIONE TRANSMEDIALE
La strategia transmediale del Webdoc, si muove in sinergia attraverso diversi tipi di media, contribuendo ad ogni passaggio con nuove e distinte informazioni. Attraverso altre piattaforme che andremo a creare come https://civicocanapa.org e altri siti web, social network e comunicazioni online e offline attiveremo percorsi originali e faremo decidere all’utente quali storie vedere, quali tempi di fruizione, su quali approfondimenti soffermarsi. Per noi questo è un nuovo orizzonte del giornalismo: oltre a una semplice possibilità di diffusione in tutto il mondo, l’economia dei mezzi e la velocità con cui le informazioni possono essere messe in linea e lette può ospitare tutti i media e quindi toccare con l’umanità di una vicenda mostrando però anche una complessità di dati e statistiche generali. Inoltre può, più semplicemente ed efficacemente rispetto ad altri mezzi di comunicazione, avere un’interattività diretta con l’utente. Il webdoc è stato definito come un “giornalismo indipendente” perché può osare, nei contenuti e nella forma, nella durata e negli approfondimenti: non vediamo altra forma di comunicazione più idonea per raccontare le storie di vita che oggi ruotano attorno a questa pianta straordinaria. Il formato del webdoc e dello storytelling si appoggiano su un supporto libero e rivelano realtà che comprendono articoli, ricerche, eventi. Ognuno di questi può avere una ‘veste’ diversa, ma al centro della narrazione – non lineare – resta la storia da raccontare. Il WebDoc incoraggia l’uso di un approccio sistemico e olistico, fondamentale per un’azione di informazione/sensibilizzazione. Permette moltissimi approfondimenti (anche di tipo saggistico e/o scientifico) e coniuga uno sguardo razionale sulla realtà osservata. Permette diversi livelli di fruizione, usa un linguaggio innovativo e accattivante e sarà continuamente aggiornato da noi canapisti che viviamo e lavoriamo grazie alla canapa.
Il diario di bordo, making off del webdoc , il blog di CIVICOCANAPA racconta l’evoluzione del nostro progetto, le riprese già effettuate, le difficoltà di chi oggi vuole realizzare un webdoc indipendente e promuovere una petizione sulla canapa e il CBD, tanto più parlando di questa pianta al di fuori dai cliché che fanno leva sulle curiosità un po’ morbose o dalla scarsa inforamzionie sulle proprietà e virtù dell’ORO VERDE. Sarò io stesso ad aggiornare il blog che troverete presto onlin: nel frattempo potete trovare qui le info aggiornate:
Parallelamente alla piattaforma crossmediale e al sito e al blog abbiamo lanciato una petizione online che chiede di noramre anche in Italia il CBD – oggi inteso come integratore – come un farmaco Una chiamata all’azione perché le parole e le immagini del webdoc si possano trasformare in una mobilitazione concreta, per aprire finalmente la strada a una conoscenza e consapevolezza delle virtù del CBD – proveniente dalla Canapa – che superi condizionamenti e pregiudizi. Qui trovate la petizione petizione normare in Italia il CBD come un farmaco
CHE COS’E’ QUESTO CBD?
Negli ultimi tempi, una delle domande nel campo della cannabis terapeutica che viene posta nei convegni e negli eventi che organizziamo con LaSignoraDelleErbe sotto il format #lerbachefabene in collaborazione con canapicoltori della Romagna [e non solo] [link video convegno dal titolo IN SALUTE CON IL CBD del Dottor Lanzarotti durante la Fiera Del Benessere di Faenza del 2018] con maggiore frequenza è questa: “Il CBD può essere considerato un farmaco?” L’interesse scientifico verso medicinali e medicamenti ricavati dalla Cannabis si è riaffermato all’inizio del XXI secolo. La Cannabis terapeutica era stata messa al bando agli inizi del XX secolo e cancellata nel 1942 dalla U.S. Pharmacopeia. Nella cannabis sativa e indica sono state identificate più di 400 sostanze chimiche differenti, oltre 60 delle quali appartengono alla famiglia dei cannabinoidi (composti a 21 atomi di carbonio presenti nella pianta, compreso i loro prodotti di trasformazione e analoghi). Le leggi che riguardano la cannabis e i suoi derivati variano da Paese a Paese. Il contenuto di THC, insieme ad altri requisiti, permettono di inquadrare questa pianta nelle seguenti categorie:
  1. Canapa industriale
  2. Farmaco o formulazione galenica
  3. Sostanza stupefacente
Il Cannabidiolo o CBD Il cannabidiolo (CBD) è probabilmente il più noto dei cannabinoidi presenti nella pianta di cannabis, insieme al THC. Sebbene i due composti condividono le stesse radici, non portano gli stessi tratti, e i loro effetti sul corpo umano sono differenziati. Il cannabidiolo (CBD), contrariamente al THC, non ha analogo effetto psicoattivo. Interagisce con vari recettori e apparentemente riduce anche l’effetto psicotropo del THC. Tra i suoi potenziali effetti terapeutici, esercita un’azione antiossidante, antinfiammatoria, anticonvulsivante, antiemetica, ansiolitica, ipnotica o antipsicotica. Sebbene gli effetti benefici del CBD siano stati confermati da vari studi clinici pubblicati sulle più importanti riviste del settore, il CBD non è ancora stato normato come farmaco nella maggior parte dei paesi.
La nostra idea di economia circolare 4.0 applicata qui in Romagna è la naturale evoluzione nel nostro DNA: LAVORARE PER FAR STAR BENE GLI ALTRI [e i Romagnoli ne hanno fatto una cultura riconosciuta dai turisti di tutto il mondo] quando si parla di Eccellenze sappiamo bene come crearle, svilupparle e raccontarle e sappiamo molto bene quanto possano valere le nostre eccellenze romagnole – EccellenzeRomagnole – soprattutto in termini di visibilità e qualità creativa.
Abbiamo deciso di presentare il nostro progetto di realizzazione di una piattaforma crossmediale sulla piattafroma che per prima ha creduto in Italia nella formula del crowdfunding e abbiamo scelto di dare il via a questa raccolta fondi online ricorrente a ridosso del 20 aprile 2018, giorno in cui si celebra la canapa in tutto il mondo. Questa data rappresenta in tutto il mondo una giornata dedicata agli amanti della Cannabis che purtroppo in molti casi sono ancora oggi demonizzati da una comunità che continua ingiustamente a compiere distinzioni su questa pianta, considerandola talvolta utile e talvolta pericolosa a discrezione delle grette finalità economiche.
Noi siamo convinti sostenitori delle proprietà nutraceutiche di questa pianta magica che la Natura ci ha regalato e che l’uomo ha selezionato nel tempo in un percorso partito migliaia di anni fa e che continuerà a prescindere da qualsiasi futura imposizione delle grandi case farmaceutiche: anche questo progetto indipendente nato sotto il marchio di qualità de LaSignoraDelleErbe [Fabrizio Fantini e Luca Berardi] forse, può rappresentare un piccolo sassolino gettato in un torbido stagno: volete aiutarci a renderlo un macigno in un mare più chiaro?
PROFILO DI FANTINI FABRIZIO
PROFILO DI LUCA BERARDI
#CIVICOCANAPA #CANAPASATIVA #CBD #LASIGNORADELLEERBE #DISPENSO #FABLAB #GAROM #BERARDIERBE